Piano LAVORO SICURO


Combattere lo sfruttamento ed il lavoro in nero é una necessità.
Per farlo c’è bisogno dell’aiuto e la collaborazione di tutti. Da oggi i cittadini della Provincia di Prato, hanno a disposizione uno strumento in più per fare la loro parte. Potranno segnalare i casi sospetti di abitazioni dove si svolgono attività lavorative.
Ringrazio, oltre al presidente anche Renzo Berti, il Sindaco di Prato Matteo Biffoni e il procuratore Nicolosi e tutti coloro che si sono impegnati e si impegneranno per questo progetto. Questo strumento non deve servire solo per mera repressione, ma per impedire nuovi casi come la Teresa moda o come il rogo della Tignamica.

Il presidente Rossi ha proposto a me e al collega Ciolini di valutare che questo piano per il Lavoro Sicuro (attivo dal 2014) diventi una legge regionale per stabilizzare le procedure.
Sono pronta a lavorarci da subito.