Nuovo servizio di fisioterapia all’Istituto medico toscano

Prato, il reparto si sviluppa su 150 metri di palestra con 10 box dedicati alla riabilitazione. All’inaugurazione presenti il sindaco Matteo Biffoni, la consigliera regionale Ilaria Bugetti, l’assessore allo sviluppo economico Daniela Toccafondi

PRATO. Aperto un nuovo reparto all’Istituto medico toscano di via Barsanti a Prato. Da oggi sarà disponibile anche il servizio di Fisioterapia, questa ulteriore offerta medica completa il ventaglio di possibilità terapeutiche dell’istituto: “Con l’apertura del reparto fisioterapico l’Istituto medico toscano diventa la più grande struttura medica della regione -dice Alessandro Brafa amministratore unico del centro- più di 3mila metri quadri tra ambulatori per visite specialistiche, sale diagnostiche, sale operatorie”.

La fisioterapia si sviluppa su 150 metri di palestra con 10 box dedicati alla riabilitazione. L’inaugurazione del nuovo reparto, con la partecipazione della consigliera regionale Ilaria Bugetti e dell’assessore comunale allo sviluppo Daniela Toccafondi, è stata anche l’occasione per far visitare la struttura alla cittadinanza. Grande attenzione per i 1000 metri quadri realizzati più di recente: qui, tra gli strumenti radiodiagnostici appena acquistati c’è il mammografo a bassa intensità di radiazioni, capace di emettere il 60 per cento in meno di radiazioni rispetto ai macchinari di vecchia generazione.

A dirigere il reparto radio diagnostico è il dottor Stefano Ciatti, da tempo impegnato nel progetto dell’Istituto medico toscano. I partecipanti all’Open Day, hanno ricevuto in omaggio una consulenza a scelta fra tutte le branche mediche disponibili. “Contiamo di essere presto accreditati dalla regione toscana quale istituto convenzionato -conclude Brafa- il percorso è ben avviato e tra poco dovremmo ottenere il via libera dell’ente”.

Fonte: http://m.iltirreno.gelocal.it/prato/cronaca/2017/10/07/news/nuovo-servizio-di-fisioterapia-all-istituto-medico-toscano-1.15956574
Share on TumblrShare on FacebookShare on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Leave a Reply